agriturismo
agriturismi
prima pagina
news ed eventi
agriturismi
sagre e fiere
contatti
pubblicità


:: News ed eventi
 

I NUMERI DELL’AGRITURISMO IN PIEMONTE

I dati provvisori del 2005 dell’Osservatorio turistico regionale piemontese, elaborati da Confagricoltura Torino,  conteggiano in 730 il numero di strutture agrituristiche insediate su tutto il territorio regionale.

Sulla totalità il consumatore può disporre di 21.565 coperti per il servizio di ristorazione; 532 strutture agrituristiche dispongono, oltre che di un servizio di ristorazione, anche del servizio ricettivo, con una disponibilità di 2.719 camere e  6.404 posti letto.

Inoltre, in 26 agriturismo è possibile giocare a bocce, in 95 frequentare corsi di cucina, in 54 svolgere equitazione, in 176 effettuare escursioni naturalistiche, in 36 apprendere le tecniche del giardinaggio, in 189 partecipare ai lavori aziendali, in 121 muoversi su percorsi cicloturistici, in 13 apprendere la pratica sportiva del tiro con l’arco e in  21 fare pesca.

Per quanto riguarda il settore della comunicazione in 373 dei 730 agriturismo piemontesi si parla correttamente la lingua francese, in 371 il francese, in 81 il tedesco, in 60 lo spagnolo, in 4 il russo, in 2 il polacco e l’olandese e in uno anche il cinese. 

Volendo fornire un dato che indica l’evoluzione del settore agrituristico, forniamo un raffronto dei dati dell’anno 2000 con quelli del 2004.

L’offerta ricettiva agrituristica piemontese (intendendo le sole strutture agrituristiche che dispongono anche del servizio di ospitalità con posti letto)  nel 2000 poteva contare su 294 strutture.

Di esse 49 erano collocate in provincia di Torino, 8 a Vercelli, 13 a Novara, 113 a Cuneo, 58 ad Asti, 35 ad Alessandria, 7 a Biella e 11 nel Verbano-Cusio-Ossola.

Con un incremento del 54,08%, nel 2004 le attività agrituristiche sono salite a 453: 68 in provincia di Torino, 12 in provincia di Vercelli, 17 in provincia di Novara, 171 in provincia di Cuneo, 96 in provincia di Asti, 62 in provincia di Alessandria, 13 in provincia di Biella e 14 nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola.

Di tutta rilevanza anche l’incremento dell’offerta ricettiva: + 66,72% per il numero delle camere e + 62,28% per i posti letto.

“L’agriturismo piemontese, per i numeri che rappresenta, è un settore che sta raggiungendo la piena maturità. Gli agricoltori che si dedicano all’attività agrituristica – dichiara Ercole Zuccaro, direttore della Confagricoltura torinese – hanno sviluppato un’alta professionalità e gli ospiti premiano questo impegno con un aumento costante di presenze qualificate, alla ricerca di una vacanza che vuole sganciarsi dai grandi percorsi consumistici per riscoprire un mondo ricco di valori antichi ma al tempo stesso autentico e moderno”.

L’incremento del numero di camere è del 111,82% per la provincia di Asti, dell’86,14% per la provincia di Alessandria, del 72,09% per la provincia di Vercelli, del 70,59% per la provincia di Biella, del 63,06% per la provincia di Cuneo, del 38,43% per la provincia di Torino, del 29,23% per la provincia di Novara e del 21,95% per la provincia del Verbano-Cusio-Ossola.

Per il numero dei posti letto l’aumento è stato del 118,92% per la provincia di Asti, del 90, 73% per la provincia di Alessandria, del 73,42% per la provincia di Biella, del 53,20% per la provincia di Cuneo, del 48,54% per la provincia di Vercelli, del 39,36% per la provincia di Torino, del 36,84% per la provincia di Novara e, infine, del 22,12% per la provincia del Verbano-Cusio-Ossola.

 

 

 

 

 

Fonte dati: Osservatorio Turistico Regionale – Agenzia Turistica Regionale

Elaborazione: Confagricoltura Torino

 

 
:: torna alla pagina delle news ::
:: archivio news ::
© 1999-2005 agriturist.com - tutti i diritti riservati - Web Design Gruppomultimedia.it